» » Sara Biscioni, "Italiano di classe: percorso resistente di lingua italiana per migranti (e non solo)"
uploaded.to



Information of news
23-11-2015, 02:11

Sara Biscioni, "Italiano di classe: percorso resistente di lingua italiana per migranti (e non solo)"

Category: E-Books

Sara Biscioni, "Italiano di classe: percorso resistente di lingua italiana per migranti (e non solo)"

Sara Biscioni, "Italiano di classe: percorso resistente di lingua italiana per migranti (e non solo)"
Publisher: Creative Commons | 2014 | ISBN: N/A | Italian | True PDF | 154 pages | 11.3 Mb

""Italiano di classe" è un manuale di italiano per migranti. Un manuale non usuale, però; propone infatti un percorso resistente, militante, di parte, dell'apprendimento/insegnamento della lingua italiana. (21 unità, con relativi tag, sulla vita in Italia) ..."

Se la visione istituzionale vuole l'apprendimento della lingua italiana da parte degli "stranieri" finalizzato alla loro "integrazione" (in cosa se non nella massa de-politicizzata e a-conflittuale dei lavoratori sfruttati, degli studenti acriticamente operosi, dei "buoni cittadini" che chiedono umilmente assistenza piuttosto che lottare per i propri diritti?), se i governanti, eternamente preoccupati di mantenere un basso livello di conflittualità sociale (o di finalizzarla verso determinati gruppi, spesso appunto i migranti) e consci delle potenzialità sovversive dello strumento-lingua, cercano di depotenziare le sue caratteristiche "politiche" e anzi trasformarlo in strumento di discriminazione attraverso cui elargire concessioni "a chi se lo merita" (vedi la conoscenza obbligatoria della lingua per ottenere i documenti di soggiorno o la scolarità per la concessione della cittadinanza), allora può essere utile riprendersi la lingua nella sua dimensione "di classe", per (re)imparare a muoversi in modo critico e conflittuale in una realtà a conti fatti ostile nei confronti di lavoratori, studenti, precari, migranti.

Ecco allora un manuale di lingua italiana per migranti (e non solo) in cui si recupera un apprendimento, e dunque una didattica, della lingua italiana manifestamente "di parte", prendendo spunto da Freire - la lingua come mezzo dell'oppresso per liberare se stessi e il mondo - ma anche da Zinn - la scelta degli argomenti affrontati, mai presenti nei testi didattici, e non a caso."
Download link:



Links are Interchangeable - No Password - Single Extraction

uploaded


Rapidgator.net

Site BBcode/HTML Code:
Dear visitor, you went to the site as unregistered user.
We recommend you Sign up or Login to website under your name.
Information
Would you like to leave your comment? Please Login to your account to leave comments. Don't have an account? You can create a free account now.

Tag Cloud

archive of news

^
 
free html hit counter